Terapia del dolore

Ozonoterapia


L'ozonoterapia è una metodica esclusivamente medica che trova applicazione anche nel trattamento del dolore e delle patologie flogistico-traumatiche-degenerative ad esso correlate.

La terapia iniettiva con una miscela bilanciata di ossigeno-ozono a diversa concentrazione, è indicata nelle discopatie e radicolopatie cervicali, dorsali, lombari, nella sindrome miofasciali, nel dolore da patologia osteoarticolare, coxoartrosi, gonartrosi , artrosinoviti del ginocchio, spalla dolorosa (tendinopatia della cuffia dei rotatori),  sindrome del tunnel carpale, dito a scatto, artropatia dita-mano, alluce valgo.  Buoni risultati in medica estetica per il trattamento della cellulite e in angiologia per il trattamento delle ulcere distrofiche.

L'infiltrazione è seguita, previa accurata disinfezione, inserendo aghi molto sottili, sterili monouso, successivamente si procede alla iniezione della miscela gassosa in modo sicuro ed accurato utilizzando apposite siringhe e filtri antibatterici garantendo un'adeguata asepsi.

Diverse le vie di somministrazione della miscela gassosa: iniezione  nei fasci muscolari (conflitto discoradicolare, sindrome miofasciale,....), mediante iniezioni percutanee simmetriche paravertebrali in corrispondenza dello spazio discale interessato dall'ernia  o a livello delle radici coinvolte, iniezione sottocutanea transligamentosa (tunnel carpale), iniezione sottocutanea transtendinea (dito a scatto) iniezione intra-periarticolare (gonartrosi, coxoartrosi, spalla dolorosa,...). Sono eseguite più infiltrazioni con frequenza generalmente bisettimanale, in tempi successivi sono inoltre consigliate alcune sedute di richiamo-mantenimento.

E'  stato ipotizzato che il meccanismo di infiltrazione con ossigeno-ozono realizzi un'azione metabolica locale con conseguente azione decontratturante e trofica, riduzione del dolore e dell'infiammazione con buona efficacia terapeutica  (75-80%).  A volte il trattamento con ossigeno-ozono può essere preceduto (nella stessa seduta e nella sede  algica), da iniezione di anestetico e se del caso da mesoterapia o infiltrazione con farmaci antinfiammatori o corticosteroidi o omeopatici. 

La procedura viene in genere ben tollerata al paziente, talora si può avvertire una temporanea sensazione di pesantezza o un dolore urente (bruciore)  transitorio, esiste anche la possibilità di un risveglio temporaneo,  in genere per pochi minuti, della sintomatologia  dolorosa ("dolore risvegliato").  I rischi connessi a tale procedura sono quelli legati alla puntura (ematoma nella sede di iniezione o infezione) o reazioni vagali (sudorazione, bradicardia, ipotensione con alterazione del ritmo cardiaco fino allo scompenso).  Le  crisi vagali in genere transitorie si risolvono spontaneamente in pochi minuti; in caso contrario è necessario ricorrere  a presidi medici-rianimatori.

Il numero delle sedute può variare da 4-5 a 10-15 con cadenza bi o settimanale a seconda della patologia. 

Controindicazioni cliniche sono rappresentate da:  gravidanza, ipertiroidismo, fauvismo, gravi infarti o empatie, grave ipertensione arteriosa.

Il paziente formalizzerà l'assenso al trattamento prescritto mediante la firma al consenso informato

Domus Medica - Aut. Sanitaria n° 1 del 17/03/2010
Direttore Sanitario Dott. U. Fabbri
Sito realizzato da:
Via Marecchia, 54 - 47863 Novafeltria (RN)
Tel.: 0541 922841 - Cell.: 338 1761440
E-mail: info@domusmedica.org
P.Iva: 02388140416